Marrone Giacomo – Alla mia Menfi

POESIE:

Lu schettu - Tempi passati

La atria nun si scorda - Annicchiaredda mia

Amuri 'mpossibiliLu suli e li stiddi

 

Dedico questa raccolta di poesie

a mia moglie Rosa,

a mia figlia Giovanna,

ai miei nipoti Leopoldo e Rossella

e a mio genero Domenico.

Giacomo Marrone, autore di questa copiosa raccolta di poesie è nato a Menfi il 28 luglio 1925. Fin da piccolo dimostra una grande passione per la poesia che, col tempo, è diventata un bisogno irrinunciabile perché in essa poteva riversare tutto quanto la usa mente e l'anima evocavano.

Non ha seguito un corso di studi regolare, ed oggi è un vero cruccio per il nostro autore; nonostante ciò egli ha dato libero sfogo alla sua vena artistica, incoraggiato in questo dalla sua famiglia: i genitori prima, la moglie Rosa e la figlia Giovanna dopo.

É sempre vissuto nella sua amata Menfi, circondato da un grande calore umano dimostratogli dai suoi familiari e dai numerosi amici.

Le soleggiate campagne della Sicilia Sud Occidentale, dove la stagione estiva è molto lunga e molto calda e quella invernale corta e mite, e la incontaminata natura sono state utilizzate dal poeta, affaccendato nei comuni lavori di campagna, come suo naturale laboratorio artistico.

 Dopo molteplici esitazioni, essendo schivo e riservato, su sollecitazioni ha finalmente acconsentito, a pubblicare le sue opere.

Esse vanno divise in due tronconi: quelle scritte in dialetto siciliano e quelle in lingua italiana. Le prime sono ventidue ed hanno come soggetto: gli scapoli, le belle ragazze, l'amore, la Patria, lo Stato, l'acqua, la siccità e il terremoto, che certamente non poteva mancare.

Il Marrone si rivela attento scrutatore dei vizi e delle virtù della gente comune, che descrive con grande maestria.

Le sue liriche sono ricche di insegnamenti, tratti da quella fonte inesauribile che è la saggezza popolare, inoltre, in esse trapelano forti sentimenti per l'amata Patria e per il paese natio.

Il linguaggio, anche se scritto in forma dialettale, appare finanche al lettore meno iniziato a tale forma espressiva, semplice e di immediata comprensione.

Nelle numerose poesie in lingua italiana, circa cento, i temi principali sono la satira politica, la fede, l'amore, la mafia e i decadenti costumi attuali.

Le sue liriche palesano uno stile espressivo alquanto spontaneo, libero dalle regole della metrica e raggiungono quasi sempre l'intento del poeta. Scorrevoli appaiono i versi e ricchi di musicalità.

La poesia del Marrone, sia in dialetto che nella lingua italiana, per la semplicità, spontaneità e immediatezza non appare mai noiosa né stancante, anzi coinvolge e prende il lettore portandolo nel suo mondo.

Andrea Giuseppe Randazzo


POESIE

LU SCHETTU

Lu schettu è sulu e firrier 'ntunnu

e nun pensa mai all'unnumani;

mentri è picciottu si cridi di rignari

e si senti patruni di lu munnu;

ma quali munnu e regnu a cumannari

chi mancu 'mparadisu ci pò ghiri;

anchi s'è riccu e avi li dinari

veni la festa e nun si po divirtiri.

Sta sempre dintra e sulu come un cani

passa lu 'menu e passa l'astaciuni.

Nti dda casa senza di nna fimmina,

'forza lu feto e av'a scappari fora,

pi rispirari anticchia d'aria pura

e pensa l'ammunimenti di la matri:

si resti schettu mmalidici la natura

quannu si vecchiu e ti carini li denti

è troppo tardi e nun ci pò fari nenti.

torna all’indice

TEMPI PASSATI

Na vota 'nti la terra si nascia

e miatu chiddu chi la pussidia,

siminavanu tutti lu furmentu

cunsidiratu semipri n'alimentu;

chiddu ch'un avia la terra

facia a mitateria la favata

e si ci vinia bona niscia puru l'annata.

Lu sceccu, lu mulu e la iumenta

travagghiavanu 'nti la masseria

si pinsava pi l'oriu e la pruvenna.

chi nun è roba chi si vinni a la putia.

A li terri si ci dava lu so' turnu

e si facia puru la suddata

pi l'armali chi travagghiavanu.

e puru iddi avianu a nesciri l'annata.

Mangiavàmu tutti cosi naturali

e nun c'era centi di sufisticatu;

si purtava lu furmentu a lu mulinu

e si facia lu pani genuinu

c'avia lu ciauru di la terra.

Ora è un ricordu, si va a la putia

e s'accatta, cu li sordi, lu mangiari,

nun sapennu ch'è china di vilenu

e nun s'arricogli senza pompiari.

torna all’indice

LA PATRIA NUN SI SCORDA

L'Italia eni troppu bedda

ma eni anche nica e puvureddda;

pi tri quarti d'idda sunnu muntagni

abbunnano li sciumi e li ristagni

e sunnu picca li terri a siminari;

'nti li voscura ci sunnu sulu abeti

e li fruttura sunnu mennuli e castagni.

Lu so' populu crisci cu spaventu

e ci manca lu travagghiu e l'alimentu

e pi putiri lu populi sfamari

ci apreru li porti pi farlu emigrari.

St'italiani, chi hannu tantu amuri

pi la terra dunni sunnu nati,

dunni hannu iutu s'hannu fattu onuri

ittannu lu sangu e lu suduri

cu la spiranza fissa di turnari

a lu paisi chi ci detti li natali.

Viva l'Italia viva lu paisi

gridanu tutti quannu sunnu fora

e cuntanu li iorna e cuntanu li uri

e quantu sacrifici hannu ancora a fari.

torna all’indice

ANNICCHIAREDDA MIA

Annicchiaredda pensu sempri a tia

di quannu tu vinisti a la me casa

trasisti 'nta lu cori di me matri

e cu l'occhi ti mangiasti a mia;

iè dissi: è idda chi s'avi a pigghiari a mia

e nun vogghiu n'atra fimmina pi casa.

L'ucchiuzzi to' nun pozzu chiu' scurdari

e pi lu restu ti lasciu 'maginari.

Nun pigghiu sonnu cchiu' e a lu matinu

pari chi sugnu sbronzu pi lu venu,

ma nun è veru, la curpa è di l'amuri

chi portu tantu a tia 'nti lu cori.

torna all’indice

AMURI 'MPOSSIBILI

Da quannu vitti a tia Rusina bedda

nun haiu paci e nun pozzu cchiu' durmiri

la notti tu m'adinchi li pinseri

e nun pensu cchiu' famigghia né mugghieri.

- - -

Nun pensu chi travagghiu pi campari

e chi haiu certi oblighi morali;

e quannu c'è lu scuru chi si fedda

nesciu fora a vidiri li stiddi.

- - -

Pregu a Diu pi farimi scurdari

l'ucchiuzzi to' chi m'hanno furminatu,

si troppu bedda e si 'nta lu me cori

ma, apparteni a natru furtunatu.

torna all’indice

LU SULI E LI STIDDI

'Na la staciuni lu suli 'luminava

cu luci 'ncandiscenti l'universu

e taliannu nta la terra vidi picciutteddi

- - -

viviri e iucari 'ntunnu a 'na funtana

e cu paroli duci dissi a iddi:

"rispunniti a mia picciliddi!

- - -

Sugnu megghiu iè o sunnu li stiddi"?

Accussi li picciotti arrispunneru:

"tu sini bonu a darini caluri,

- - -

a darini la luci e lu mangiari

e puru l'aria pi rispirari;

ma la notti quannu tu va' a ripusari

- - -

a nuatri 'ni servi pi durmiri

e si 'nti lu celu affaccianu li stiddi

voli diri chi ci vonnu puru iddi".

torna all’indice