POESIE

Lu jocu - Lu lannaru

Soggiri e nori - Lu vinu Ciddaru

Giusy Marino - nata nel 1981 a Sambuca, dopo aver conseguito la maturità classica frequenta la Facoltà d'Ingegneria Chimica presso l'Università degli Studi di Palermo. La sua vocazione poetica si é evidenziata assai presto: ha pubblicato la sua prima raccolta di poesie "Lu me passatempu", nel 1994 quando ancora frequentava la seconda classe della Scuola Media.

   

POESIE

LU JOCU

Jocu chi li picciliddi vidi crisciri

nun sulu fisicamenti

ma puru ngignusamenti

ni lu cori di lu picciriddu tu rimani.

Sempri veni pinsatu

è in ogni mumentu sugnatu.

Cu tia si passanu uri d'alligria

è di filici armunia.

Cu tia nun si canuscinu

noia e tristezza

è certi voti a li granni

fa passari la stizza.

torna all’indice

.

.

.

.

.

LU LANNARU

Che bedda sta natura!

Cu lu so virdi rallegra lu cori

e li so arvuli e li so sciuri

spanninu 'ntornu tantu uduri.

Grida forti e chiaru ni stu munnu riu:

quant'è bedda sta natura!

C'è peró n'arvulu chi cu la so biddizza

nun t'arreca alligrizza.

Vi lu presentu: lu lannaru.

St'arvulu cu li so sciuri

spanni tanti splinduri,

ma a la larga a stari

si di iddu nun ti vo fari avvilinari.

Ni lu me paisi ci nni su propriu tanti

specialmenti nni li strati

chi li renninu culurati.

E pi dilla 'ncunfidenza

lu lannaru pari comu chiddi chi semu

beddi di fora e tinti di dintra.

torna all’indice

.

.

.

.

.

SOGGIRI E NORI

Soggiri e nori

su sempri grattaroli si sciarrianu, si capiddianu e si dicinu paroli.

Quali distinu riu li porta a fari sta cosa torta?

Ci trovanu piaciri

o vonnu sulu putiri?

E tu chi si figghiu e maritu

a sti fimmini

chi paci nun ti dannu

ricurdaccillu chi l'amuri

è nna cosa granni.

torna all’indice

.

.

.

.

.

LU VINU CIDDARU

Lu vinu Ciddaru

è tipicu di la cantina sammucara

pi lu so gustu e pi la so buntà

veni purtatu di ccà e di ddà

'Nta settembri, tempu di vinnigni,

si vidinu tanti genti nni li vigni,

vecchi, picciotti e picciliddi.

Prima, quannu li vigni eranu picca

e lu campgnolu unn'era riccu,

'nna gran festaera vinnignari

ora nveci si cci vò sulu pi guadagnari.

torna all’indice

.

.

.

.

.