Cristian Cacciatore – Note biografiche

Cristian Cacciatore, è nato a Varese nell’agosto del 1977, vive a Gallarate (Va) ed è un fotoamatore. Sebbene abbia avuto un’istruzione tecnica, è sempre rimasto molto affascinato dalle arti in generale. Ama infatti la lettura, la pittura, il teatro, il cinema.

Nel 2013 la rivelazione; nasce in lui la passione per la fotografia, uno strumento in grado di richiamare e stimolare sensibilità e trasposizione della sua interiorità ma, al contempo, di cogliere emozione da tutto ciò che lo circonda, con l’intento di divulgarne poi il concetto attraverso un’immagine, l’immagine come pretesto per dire qualcosa. Dal quel momento non esce quasi mai senza la sua reflex. Ogni istante infatti, è motivo di scatto, stimolo per “l’occhio del fotografo“, che poi è l’occhio del cuore e/o della mente.

La passione per la fotografia lo porta a viaggiare in lungo e largo, cercare e visitare nuovi luoghi, incontrare e conoscere persone nuove da cui trarre esperienze sempre incredibili, infatti, ringrazia molti di loro per aver contribuito, anche in modo significativo, alla sua formazione tecnica sulla fotografia.

È un’illusione che le foto si facciano con la macchina… si fanno con gli occhi, con il cuore, con la testa.

Henri Cartier-Bresson

.

.

.

 


English version

 Cristian Cacciatore, he was born in Varese in August 1977, lives in Gallarate (Va) and is an amateur photographer. Although he had a technical education, he has always been very fascinated by the arts in general. In fact, he loves reading, painting, theater, cinema. 

In 2013 the revelation; his passion for photography was born in him, an instrument capable of recalling and stimulating sensitivity and transposition of his interiority but, at the same time, of capturing emotion from everything that surrounds him, with the aim of then disclosing the concept through a image, the image as an excuse to say something. From that moment he hardly ever goes out without his reflex. In fact, every moment is a trigger, a stimulus for the “eye of the photographer”, which is then the eye of the heart and / or mind.

His passion for photography led him to travel far and wide, seek and visit new places, meet and meet new people from which to always derive incredible experiences, in fact, he thanked many of them for having contributed, even significantly, to his training technique on photography

It’s an illusion that the photos will do with the machine…they do it with the eye, with the heart, with the head.

Henri Cartier-Bresson

.

.

.