Oddo Calogero – Vurria


POESIE
Mali antichi e favelli muderni  –   La paci  


Calogero Oddo lu baruni Oddu, nacque a Sambuca Zabut nel 1900 ed è morto a Palermo nel 1987 ho avuto un incontro con lui pochi mesi prima della sua morte.

Sorridente, affabile, egli mi accolse nel suo studio nella sua casa di Palermo dove parlammo a lungo di poesia, la grande passione della sua vita. È vero egli si sentiva un sopravvissuto al suo tempo, il testimone attento di un periodo storico che affrontò sempre con l’ironia tipica del siciliano colto. Di lui è rimasta la raccolta di poesie edite dalla Voce dal titolo Vurria.


 PREFAZIONE

Quella della poesia è un’arte nobile e potente. Quando è vera, non conosce confini, non ha età, dura eterna. Si volge al presente, rispecchia il passato e profetizza il futuro. Nasce da un entusiasmo, da un impeto, da un furore divino 

PREMESSA

Esistono due modi di capire, comprendere: uno che riguarda la mente ed è un sapere intellettuale, freddo ed astratto ed uno che riguarda l’esperienza di tutto il corpo e l’anima, un sapere che è vita e che impegna tutta la persona.


.
.
.
.
.
.

MALI ANTICHI E FAVULI MUDERNI

L’amuri versu l’isula

dunni chi semu nati

spissu nni fa ‘ntravidiri

u regnu di li fati.
.

Comincia la Rinascita,

nni vonnu beni tutti.

Di libertà ciuriscinu

li disiati frutti;
.

insolitu spittaculu:

finiu la manciatura,

nun c’è chiù birbantisimu,

né stentu, né malura!
.

”Eccu compagni prosperi,

pagannu pochi tassi,

e lu cummerciu libiru

esenti di sconquassi.
.

Pi ntrallazzisti e soci,

tutti disoccupati,

è tempu di quaresima,

poverini sventurati!
.

La robba mircatissima,

lu populu travagghia,

li spatajoòi e simili

nun ponnu fari pagghia.
.

E’ sicura la renditae

e lu consulidatu,

ripigghia la fiducia

lu titulu di Statu.
.

Cu è chi cci po’ cridiri?

È veru?…e comu fu?

Fu sonnu, Catarina

Nun ci pinsamu cchiù.

TORNA SU

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.

LA PACI

O Paci disiata di la genti,

‘ntra nenti ti livasti di davanti!

Ora ti chiama ognunu e nun ci senti

E d’affacciari pari ca ti scanti;

sai beni chi ti chiamanu pi truccu

e nun t’arrassi chiù di lu giuccu.
.

Ognunu dici chi ti voli beni

e ‘ntantu s’accanisci ‘nta la zuffa;

cu l’arma, cu lu cori la susteni,

è chinu di grattuna e nun si stuffa;

stu beni chi ti vonnu, assai riversu,

ora minaccia tuttu l’universu.
.

Dunni ti trovi! Supra quali scogghiu,

ora t’hannu misu a lu sbaragliu?

nni la tò lampa dura ancora l’ogghiu?

lu meccu è troppu curtu, nun cìè sbagghiu,

ma di rimediari nuddu pensa

picchì manca lu sennu e la prudenza.
.

“stu tempu certamente nun po’ durari,

ritorna lu cummerciu, l’abbunnanza,

lu travagghiu sicuru, li dinari”,

ognunu dici, e campa di speranza.

Ma quannu pari tuttu sistimatu,

svampa lu focu supra n’autru latu.
.

Summa la nostra vita chi diventa?

Ora s’ainchi e ora si svacanta;

mmezzu di milli trivuli si stenta,

si si movi ‘na pampina, si scanta;

un jornu semu vivi, un jornu morti,

oh ch’è retica e nivura sta sooooorti!
.

vurria lu munnu chinu d’alligrizza,

ognunu aviri china la visazza,

l’uni pi l’autru nun pruvari stizza

e senza disprizzaricci la razza;

mmezzu di bicchirati e di fistini,

cu li testi sireni e panzi chini!
.

Chi servi, caminannu pi la strata,

vidimi genti stanca e suffirenti,

chi passa la so vita siddiata

e campa notti e jornu fra li stenti?

Chi cosa tristi e comu si sta mali:
.

Perciò nun sentu chiù li campagnoli

iri giranno a fari sirinati,

cu flauti, cu chitarri e cu violi

pi risbigghiari li so nnamurati

finestri chiusi, silenziu prufunnu,

amuri un si fa chiù. Finiu lu munnu.

TORNA SU

.
.
.
.
.
.
.
.
.
.