POESIE:

A lu suli ammucciatu - Carrettu sicilianu

Cu sugnu - La guerra

La paci - La vasata

Lu me paisi - Lu nostru dialettu

Ma quannu vini - Nivicata

Sicilia - Picchì dormu

 

É un personaggio fantastico, unico nel suo genere, poeta del più appassionato afflato.

É un poeta di una vocazione tipica degli uomini sinceri, semplici, onesti, sognanti, che tolgono dal loro “sacco” il migliore dello spirito, dell’animo, e lo offrono generosamente perché si possa partecipare alla loro gioia, ai palpitanti viaggi nel cosmo della divina Musa.

Leggiamolo, di verso in verso, in questo saggio poetico, dentro un arco ideale che si apre splendente di luci, a compasso, tra gli ulivi e i mandorli in fiore della dolce terra di Sicilia. La Genga in questo libro ha saputo vestire di verità e bellezza i suoi personaggi con rara efficacia, seguendo la via maestra delle classiche forme, senza ascoltare il canto delle sirene negatrici del metro e della rima.

Per la varietà degli argomenti trattati e per i colori usati nel riprodurre le scene della vita isolana piena di splendori e di miserie.

Non occorre essere critici di professione per valutare la poesia di Pietro La Genga. Anzi, direi che meno lo si è, più si riuscirà a comprenderne scevri da preoccupazioni professionali la bellezza, l’impulsiva ispirazione, il messaggio.

Negli uomini e nelle cose che lo circondano; negli avvenimenti umani come nelle naturali calamità; nel dinamico susseguirsi delle vicende sociali, Pietro La Genga, con profondo intuito ed innata delicatezza, sa leggere i segni e svelare i misteri.

Ora con sarcasmo, ora con umorismo, ora con pacata e sofferta pena, sempre in una forma elegante, il poeta ha qualcosa da dire agli uomini del nostro tempo: nonostante tutto e malgrado la proterva volontà di male che si esprime nei vizi individuali e nelle angosce sociali, vizi e angosce che vengono denunciati e condannati , questa “aiola del male” resta sempre meravigliosa.

Lo potrebbe divenire di più, tuttavia, se in opposizione alle cose sconcertanti (a lu “munnu riversu”) gli uomini assumessero l’impegno morale della virtù.


 

POESIE

   

A LU SULI AMMUCCIATU

 

O beddu suli, picchì a nui nnimicu?

Picchì nun veni ad affacciarti un pocu?

O suli quantu nostra terra anticu!

O suli d'oru, li tò raggi invocu!

Ti lu scurdasti chi ni fusti amicu?

Ti la scurdasti l’isula di focu?

Tutta ssa nivi, e quanta nun ti dicu!

di la Sicilia ruvinàu ogni locu!

L’acqua ci voli, si, ma tantu mari

supra la terra, nun duvia viniri!

Suli ritorna; nun addimurari.

Tu porti sempri lu beni e l’amuri.

Senza di tia si sèntinu murìri

l’omu, l’armali, l’arvuli e li sciuri!

Picchì nun regna paci ne quieti,

picchì lu veru amuri è già dispersu,

picchì ci sunnu òmini scueti

chiamu lu libru miu

«Munnu Riversu»

torna all’indice

CARRETTU SICILIANU

Dunni ju a finiri lu carrettu

sicilianu cu lu carritteri

e lu cavaddu chi parìa un perfettu

mpinnacchiaturi e pumpusu cavaleri?

E li beddi guirreri cu li spati

chi tuttu lu carrettu culuràvanu?

E li cantati e li ciancianiati

chi tuttu lu stratuni ralligravanu?

Si tu lu cerchi nun lu pòi truvari

ssu carrettu nè sira nè matina

ma sulamenti lu putrai guardari

supra quarchi illustrata cartullina!

torna all’indice

CU SUGNU

Sugnu ‘na rama d’arvulu

chi a lu passàggiu di lu viulentu

e forti ventu,

si piega, si, ma nun si stocca mai.

Sugnu ‘na varchicedda

chi quarchi vota in timpistusu mari

ha statu p'affunnari...

ma sempri m'haiu salvatu

purtannu risplinnenti a lu me latu

lu lumi di l’arbìtriu

chi Diu mi detti e ch'un s’astuta mai.

torna all’indice

LA GUERRA

É nata cu lu munnu. Omini strammi

hannu criatu poi li primi bummi.

Ch’avissiru acciuncatu di li gammi!

Chi stuccatu s’avissiru li lummi!

La guerra ha fattu chiànciri li mammi,

ha provocatu tanti danni summi,

ha distruttu cità mmezzu a li ciammi,

ha siminatu milli catacummi!

O Signiruzzu tu chi tuttu pòi

aiuta sempri la Sicilia mia!

guarda e pruteggi li figliuzzii toi!

S'esisti ‘n terra quarchi guerra ria,

làssalu furminatu sull'istanti!

cantiremu d’amuri canzuneddi.

torna all’indice

LA PACI

L’omu cerca la paci

ma nun la pò truvari

picchì l’odiu è cchiù granni di lu mari

e l’amuri è cchiù nicu

d’una goccia

di rugiada

L’omu cerca la paci

ma nun la pò truvari

picchì ci sunnu lupi micidari

e vurpi chi cu chiddi ‘un ponnu stari.

torna all’indice

LA VASATA

O bedda picciridda nzuccarata

’na gran vasata dari ti vurria

chi la vasta longa è sempri stata

cagiuni di ducizza e d'allegria.

Scrissi ‘na menti illustri e scinziata

chi la vasata cura l'anemia.

Perciò si iu ti dugnu ‘na vasata

mi curu di qualunqui malatia.

torna all’indice

LU ME PAISI

Lu me paisi è un'arpa tali e quali

e lu fundàu l’Emiru saracinu.

L'attraversa ‘na strata principali

e lu lagu Carboj ci sta vicinu.

Ha lu Calvàriu, bedda visuali,

dunni ci spira ventu di cuntinu;

ha la Matrici, l'archi, gran casali,

munumentu, tiatru ed un jardinu.

Havi tanti biddizzi e tanti e tanti

chi sunnu, senza esagirazioni,

comu in aneddu petri prizziusi.

E pi quantu riguarda l’abitanti

vi pozzu diri chi sù genti boni,

travagghiatura, onesti e virtuusi.

torna all’indice

LU NOSTRU DIALETTU

Quant'è beddu lu siculu dialettu!

Li nostri antichi patri lu parlaru

ed è linguaggiu chi nun ha lu paru,

maraviggliusu, sìmplici e perfettu.

Si per esempiu a scrìviri mi mettu

pigghiannu carta, pinna e calamaru

cu stu linguaggiu armuniusu e caru

sull’istanti ti sbrocculu un sunettu.

Meli, lu gran pueta dottu nfunnu,

lu fici divintari rinumatu

tra tutti li dialetti di lu munnu.

Lu parla genti d’autu e bassu rangu.

Mòriri mai nun pò picchì è ncarnatu,

essennu sangu di lu nostru sangu.

torna all’indice

MA QUANNU VINNI

Battia forti forti e suspirava,

lu cori miu chinu di tristizza.

Affacciava lu suli e tracuddava

ed iu nun avìa nudda alligrizza.

Odiava la vita ed aspittava

chi morti m’affirrassi cu pristizza.

Ma quannu vinni la picciotta mia

spirìu l’affannu e la malincunia.

torna all’indice

NIVICATA

E notti e ghiornu nivica ed un mantu

biancu ricopri tutta la natura.

Quarchi acidduzzu si vidi frattantu

càdiri ‘n terra, privu di calura.

Dici un viddanu pinsusu ed affrantu:

”Sta vota nn'aspittamu la malura!”

mentri li picciutteddi pi la via

fannu baddi di nivi in alligria!

torna all’indice

SICILIA

Bedda Sicilia, ìsula di canti,

di zàgari, d’amuri e suli ardenti,

cu lu surrisu tò abbagghi e 'ncanti,

appena junci, la stranera genti.

Li tò mineri sunnu assai mpurtanti;

tu hai palazzi, eccelsi munumenti

chji stannu a ricurdari in ogni istanti

eroi, artisti, martiri e sapienti.

Sutta di lu celu lìmpidu e turchinu

t’abbrazzanu e ti vàsanu tri mari

o di l’Italia splendidu jardinu.

La Madunnuzza chi ti sta vicinu,

quannu la terra tò soli trimari

ti copri cu lu mantu so divinu.

torna all’indice

PICCHÍ DORMU

Già la notti càlau. Li vinticeddi

a pocu a pocu mèttinu a carmari

e l’acqui si nni vannu beddi beddi

sutta la luna e stannu a spicchiari.

Li graziusi e variupinti aceddi,

li grossi e nichi pisci di lu mari

cani, cavaddi, pècuri e viteddi,

òmini lesti di lu travagghiari,

dòrmunu tutti càrrichi di sonnu

scurdannusi lu munnu scioccu e vanu,

e l’affannatu cori s’arricrìa;

ma l’occhi mei chiudiri ‘un si ponnu

picchì già si nni iu troppu luntanu

chidda chi teni ‘n manu l’arma mia!

torna all’indice