Ciaccio Giuseppe – Poesie in dialetto

POESIE:

Munnu pazzu -

 Giuseppe Ciaccio - La Civiltà contadina ebbe al suo interno dei poeti, dei vecchi saggi, che tramandavano di padre in figlio la cultura, la storia della comunità a cui appartenevano: era una cultura orale e come tale essa si andava componendo in un corpo omogeneo in cui l'autore singolarmente finiva inevitabilmente per annullarsi.

Piccole strofe, aneddoti, modi di dire diventano patrimonio di tutti. Giuseppe Ciaccio può essere iscritto nella lunga lista dei poeti-contadini e questo senza nulla togliere alla sua vena poetica che è forte, incisiva, a tratti elegante. Piuttosto, li suo poetare è il mezzo personale con cui una classe sociale molto agguerrita, grida al mondo la propria insoddisfazione.


POESIE

MUNNU PAZZU

Munnu pazzu, c'è cu chianci e c'è cu ridi

cu è troppu onestu e cu troppu vili

munnu cretinu, cu và e cu veni

cu camina a longu e cu si teni

cu acchiana e cu scinni

cu accatta e cu vinni

cu dici celu e cu dici terra

cu voli la pace e cu la guerra

cu la voli cotta e cu la voli cruda

cu la voli vistuta e cu la voli nuda

cu vesti di marrò e cu di turchinu

cu si va annacannu comu un mischinu.

C'è cu teni chiusi li palazzi

e cu pi un casottu fannu comu li pazzi.

Lu poviru fissa passa e spassa

chiddu chi èni spertu studìa la matassa.

Lu munnu è di li curaggiusi

ma giammai di chiddi cunfusi.

torna all’indice