POESIE:

Alba

Ti sussurrerò

Ti cercherò

É nata a Sambuca di Sicilia nel 1950. Gerstisce un'attività commerciale ed è stata edicolante per più di venti anni. La sua vena poetica si è manifestata sin dall'adolescenza. Le sue poesie sono velate di tristezza perchè è profonda la sua sensibilità verso i drammi della vita e le ytagedie del nostro tempo.

  

 

POESIE

ALBA

La luna in cielo

É ormai un velo

Trasparente.

Le stelle si spengono

Ad una ad una.

Il sole diafano

S'alza lentamente.

Regna intorno.

Solo il cinguettio festoso

Degli uccelli s'ode,

Che innocenti e ignari

salutano il nuovo dì

Su questa terra

Desolata e amara.

torna all’indice

 

TI SUSSURRERÓ

Poggia il tuo capo

sulla mia spalla

mamma.

Con dolcezza carezzerò

i tuoi bianchi capelli,

ad una ad una

bacerò le rughe

del tuo bel viso

dilavato.

Con amore

asciugherò le lacrime

che i tuoi occhi velano

e tristemente a noi

celano l'amore.

Poggia il tuo capo stanco

sulla mia spalla,

ti sussurrerò

dei lontani tempi,

del tuo essere madre

unico e sublime.

Ti parlerò dei nostri

cari estinti

che di gioia

la nostra vita

empivano.

Eliderò quel tuo velo

nebuloso

e li vedremo ancor

vicini a noi.

Ritorneremo nel nostro

mondo antico

e sfoglieremo i giorni

come bianche margherite.

Poggia il tuo capo

sulla mia spalla,

mamma

ti riporterò nel nostro

lontano eremo,

che mai offuscato fu

da nuvole foriere

nella tua algida

stagione

il raggio solare

el passato

arà rifiorire

il tuo sorriso

come le viole

ed il gelsomino

che assieme

raccoglievamo sul balcone.

Poggia il tuo capo

sulla spalla.

Mamma

lasciati cullare...

sul mio cuore...

ti sussurrerò

e non più brumosi

saranno i tuoi ricordi

né velati

da nostalgico rimpianto.

torna all’indice

 

TI CERCHERÓ

Ti cercherò

nell'aria fredda

che mi avvolge

nel silenzio velato delle notti.

Ti cerco

nel sangue degli innocenti,

nel corpo emaciato di un bimbo negro.

Ti cerco

nello sguardo,

nelle mille parole

fallaci

degli amici.

Ti cerco

dentro

nel mio respiro.

Mi perdo

nel vortice doloroso

dei miei pensieri.

Nel tuo silenzio

mi annullo e muoio,

o mio Dio!

torna all’indice