Quello che sappiamo intorno all'immagine della Madonna si appoggia sulla tradizione e sui documenti. La tradizione riguarda l'origine, la venuta dell'Immagine in Sambuca e i portenti che l'accompagnano. I documenti ci parlano dei vari "padroni" dell'Immagine e delle sue vicende, dopo la sua venuta in Sambuca e formano il fondamento della storia. La tradizione ci tramanda che la Statua della Madonna venne trasportata da Mazara del Vallo da uno dei componenti la famiglia "Sciarrino". Venne portata a schiena di muli, guidati da quattro marinai e collocata in una torre molto antica - che tutt'ora esiste - nel feudo di San Giovanni di Cellaro, appartenente alla Commenda di San Giovanni di Rodi e, successivamente per volontà popolare fu portata in Sambuca in occasione di epidemia pestilenziare. La Madonna entrò in Sambuca per la Via Infermeria, gli ammalati di peste che ivi si trovavano, guarirono, chiamando in aiuto la beatissima Vergine, la quale liberò tutta quanta la cittadina dal crudele contagio. Si decise che ogni anno venisse portata in processione per le vie del paese e, ogni dieci anni, dovesse passare per il quartiere Infermeria. Ancora oggi vige questa tradizione. Dopo il  terremoto del '68, è sorto, in  zona Pignolo, un nuovo agglomerato urbano, a causa del parziale dislocamento degli edifici danneggiati dal sisma. Dopo varie richieste avanzate dalla comunità ecclesiale del nuovo centro, è stata concessa la possibilità di ripetere qui la Festa dell'Udienza nel mese di Agosto ogni cinque anni.

Di seguito alcune immagini relative alla  festa officiata in suo Onore l'11, 12 e 13 Agosto di quest'anno.  

IMMAGINI